(Padova 8 marzo2018) — Inaugurato ieri Green Logistics Expo, primo salone italiano dedicato alla logistica sostenibile.

Una prima edizione che può esibire già oggi numeri importanti: 247 aziende presenti provenienti da 8 Paesi, oltre 50 tra convegni e workshop con oltre 250 relatori di prestigio.

Già dalla prima mattinata le corsie e gli stand sono stati immediatamente affollati da operatori del settore e visitatori interessati alle quattro aree tematiche in cui è suddivisa la manifestazione: intermodalità, logistica industriale e real estate, e-commerce, city & logistics.

Nel convegno di apertura si è parlato di connessioni. Connessioni tra le imprese manifatturiere e i sistemi logistici al loro servizio, ma anche connessioni, fisiche, tra porti, interporti  e piattaforme locali.   Secondo il presidente di Assoporti Zeno D’Agostino è riduttivo occuparsi solo di infrastrutture. “Abbiamo abbastanza infrastrutture e se guardo la mia regione (Friuli Venezia Giulia ndr) ci sono tre porti e quattro interporti. Il problema è integrare tra loro queste strutture e dialogare con le aree industriali di riferimento”.

Insomma gestire meglio l’esistente prima di pensare ad altre realizzazioni deve è doveroso.

Anche perché, come ha sottolineato il presidente di FerCargo Giancarlo Laguzzi, non è possibile fermare il traffico merci  per un po’ di neve”.

L’amministratore delegato del Gruppo FSI, Renato Mazzoncini  ha giudicato positivamente la nascita di Green Logistics Expo: “Quando abbiamo presentato il nostro progetto per le merci, abbiamo dovuto farlo a Monaco, in Germania: adesso finalmente anche l’Italia ha una manifestazione di riferimento per la logistica e quando avremo una nuova presentazione potremo farla qui”.  Entrando nei temi della tavola rotonda  ha poi affermato: “Abbiamo fatto funzionare bene l’alta velocità,  ci stiamo impegnando molto per il trasporto locale  e abbiamo pianificato di spendere ben 2 miliardi di euro in materiale rotabile per le merci. Siamo molto impegnati per riportare il trasporto merci su ferro, ma è utopico e irrealistico pensare che potremo portare sui binari la maggior parte di quello che oggi viaggia su strada.  Però stiamo attenti a tutto ciò che é innovazione, a partire dal tema dell’elettrificazione delle strade, su cui con Anas avvieremo una sperimentazione”.

In chiusura tutti hanno lanciato un messaggio alla politica: chiunque sarà al nuovo governo continui le politiche di rilancio e riorganizzazione del nostro sistema logistico avviate in questi anni, giudicate da tutti positive.

Al termine della mattinata sono state inaugurate le quattro gru elettriche a portale con le quali Interporto Padova moltiplica di oltre il doppio la capacità di movimentazione del proprio terminal intermodale senza necessità di alcun ampliamento di superficie.

L’altro evento di rilievo della giornata inaugurale è stato l’arrivo dei due camion completamente elettrici di FOUR partiti uno da Roma e uno da Milano.  Si tratta di un fatto unico per la logistica sostenibile e il trasporto su gomma, perché parliamo di un camion da 18 tonnellate di tara e 9 tonnellate di carico 100% elettrico adibito al trasporto merci  che effettua un viaggio di circa 500 km, da Roma a Padova, con una sola sosta intermedia.

La manifestazione prosegue oggi con oltre 30 tra convegni ed incontri per poi chiudersi domani venerdì 9 alle ore 14,30.  Il tema del giorno è  il commercio elettronico  con il grande evento “E-commerce & digital business transformation” di WMR-Studio Cappello che registra già oltre 600 iscritti.

In allegato due slide che sintetizzano la manifestazione:

SLIDE 1

SLIDE 2