IMMOBILI LOGISTICI DI QUALITÀ PER OFFRIRE SERVIZI DI VALORE

LIUC Università Cattaneo

Il panorama degli immobili ad uso logistico è costituito da varie tipologie spesso classificate secondo caratteristiche dimensioni, funzionali e strutturali. Manca in realtà un criterio oggettivo per classificarli in merito alla qualità e alla funzionalità, in modo da determinarne sia la destinazione d’uso logistico che il livello qualitativo.

Nel 2018 LIUC Università Cattaneo ha dato vita all’Osservatorio OSIL con l’obiettivo di studiare il mondo del real estate logistico e sviluppare un modello di valutazione oggettivo della qualità attribuendo da 1 a 5 stelle ai magazzini destinati allo stoccaggio o alle piattaforme distributive con funzione di transit-point.

Il modello di rating, accessibile gratuitamente dal sito www.osil.it può essere usato da proprietari di immobili, fondi di investimento e operatori logistici che desiderano avere un riscontro oggettivo, basato su indicazioni provenienti dal mercato, della qualità dell’immobile che si sta valutando.

Durante il primo anno di attività dell’Osservatorio OSIL i ricercatori della LIUC Università Cattaneo hanno analizzato nel dettaglio oltre 150 immobili logistici in Italia, per un totale di circa 3 miloni di mq coperti. Nei prossimi mesi sono previsti alcuni approfondimenti su specifici settori industriali, a partire da quello della Grande Distribuzione e dei propri Centri Distributivi (Ce.Di.). Questi immobili sono al centro dei nuovi investimenti nel mondo del real estate logistico e di particolare importanza per il settore logistico in quanto utilizzano innovativi sistemi di automazione per la movimentazione dei prodotti e impianti per migliorare la sostenibilità energetica.

Attraverso un advisory board costituito dalle più importanti aziende del settore della GDO e dell’immobiliare logistico, l’Osservatorio OSIL proseguirà per tutto il 2019 ad analizzare i magazzini in Italia, rivedendo la struttura del modello di rating di modo tale da poter analizzare correttamente la qualità dei Ce.Di. della GDO, sia per i prodotti a temperatura ambiente che i prodotti freschi.

Il primo incontro dell’edizione 2019 si è tenuto lo scorso 7 maggio e ha visto la partecipazione dei direttori logistici delle principali imprese della GDO quali Bennet, Conad, Coop, Cortilia, Esselunga, Sigma e di alcuni operatori logistici quali Brivio & Viganò e Italtrans.

I risultati della nuova attività di ricerca saranno presentati nel corso di un convegno plenario al prossimo a Green Logistics Expo in programma a marzo 2020, con la partecipazione delle aziende che hanno collaborato alla ricerca.

Indietro

Avanti